BONUS CHEF

BONUS CHEF
BONUS CHEF

 

 

 

ll Bonus Chef 2021 è un’agevolazione valida per cuochi professionisti sia dipendenti sia che lavorano con partita IVA che prevede un credito d’imposta fino a 6000 euro per l’acquisto di strumenti di lavoro o da spendere in aggiornamento professionale. Il budget complessivo stanziato dal Governo ammonta a 1 milione di euro per il 2021, e la stessa cifra è già stata stanziata anche per il 2022 e il 2023

 
 
CHI NE PUÒ BENEFICIARE?

L’unico requisito fondamentale per accedere al Buono Chef 2021 è infatti quello di svolgere la professione di cuochi sia dipendenti che partite IVA

 
 
QUALI SPESE COPRE?
 
 
Come previsto dal comma 118-bis dell’articolo 1 della Legge di Bilancio, il credito d’imposta previsto dal Bonus Chef 2021 può arrivare fino a 6000 euro per coprire fino al 40% delle spese sostenute dai cuochi per l’acquisto di strumenti di lavoro o per la partecipazione a corsi di aggiornamento o formazione professionale che vengano giudicati “strettamente funzionali all’esercizio dell’attività”. Tali spese dovranno essere sostenute tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021.
 
 
Le spese che possono rientrare nel credito d’imposta previsto dal Bonus Chef sono:
  • acquisto di macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari

  • strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione

  • partecipazione a corsi di aggiornamento professionale

COME RICHIEDERLO E COME USARLO

La norma della Legge di Bilancio 2021, prevede che il bonus chef è utilizzabile da cuochi, lavoratori dipendenti e autonomi, in compensazione tramite modello F24.
Inoltre, è bene specificare che il bonus è totalmente escluso da IRPEF e IRAP e non concorre alla determinazione del rapporto di deducibilità.